Gravina di Puglia,In scena LA MORSA

locandina

In occasione delle festività e degli eventi natalizi promossi dall’Amministrazione del Comune di Gravina in Puglia (BA), la compagnia La Terra Smossaè lieta di presentare l’opera di Luigi Pirandello “LA MORSA” Epilogo in un atto. Regia di Gianni Ricciardelli, con: Leo Coviello, Maria Pia Antonacci, Gianni Ricciardelli, Teresa Cicala e con la partecipazione di Antonio Coviello e Giovanni Pace.

VENERDì 28 DICEMBRE
Ingresso ore 20:00
presso la sala conferenze della Fondazione “Ettore Pomarici Santomasi”, via Museo n°20, Gravina in Puglia (BA)

Ingresso libero

NOTE REGIA di Gianni Ricciardelli
“La Morsa” Epilogo in un atto – di L. Pirandello

Si può restare intrappolati in una morsa fatta di sentimenti e passioni? Si può immaginare di essere vittima e carnefice di quella legge naturale che è l’amore? Pirandello ci catapulta in un intreccio di sentimenti, di posizioni morali, di condanne e di punizioni che sono il nodo poetico di quest’opera. Questo dramma naturalistico borghese propone sulla scena i micro conflitti che si nascondono nei rapporti interpersonali e nella vita stessa. “La Morsa” è l’espressione di un triangolo amoroso, lui lei e l’altro,costruito su gelosie, adulterio, paura, nevrosi, amore, disamore, morte. E’ l’ossessione della fedeltà, dell’amore e dell’amicizia tradita. La Morsa rappresenta la vicenda di Andrea Fabbri, di sua moglie Giulia e di Antonio Serra, amico di Andrea ma, soprattutto, amante di Giulia. Un tradimento nato dalla noia, messo a repentaglio da un gesto troppo intimo fatto di nascosto e colto per caso dal marito. E quello che intriga lo spettatore è il dubbio, l’angoscia della scoperta del tradimento che prende i due fedifraghi. Lo snodarsi dell’intrigo ci permette di cogliere la personalità vera dei personaggi: la vigliaccheria dell’amante; l’improvvida leggerezza della moglie; la crudeltà vendicativa, maschera assunta dal marito sotto la quale nascondere il proprio dolore. Pensieri segreti, tenuti sul filo di un’atmosfera sospesa, esaltata dalle riflessioni più letterarie dette come se fossero dei pensieri segreti dai personaggi.

Commenti

Commenti