I NEGRAMARO SUPER OSPITI DEL “PALAFIORI”

28000929_10216086275777550_226762444_n

Grande attesa da parte della sala stampa per i super ospiti non soltanto del palco di Sanremo, ma anche della Sala Stampa del Palafiori.

Applausi, domande e apprezzamenti per la band pugliese partita da Lecce e giunta, dopo anni e successi, nelle case degli italiani e non solo: da ragazzi inesperti a uomini di successo, i Negramaro hanno calcato il palco dell’Ariston ieri, 8 Febbraio, riscuotendo successo e record di ascolti.

Numerose le domande della stampa che hanno posto all’attenzione del cantante Giuliano la possibilità di poter co – condurre il festival, qualora si presentasse l’opportunità, ma il cantante risponde che non sarebbe pronto, proprio perché non è il suo lavoro e non ha una preparazione tale da poter reggere un palco così importante: cede il passo ai preparati (sorridendo).

Si fa l’accenno anche al periodo di “crisi” che ha visto i cantanti separarsi e lo stesso Giuliano risponde che come in ogni “convivenza” è necessario un allontanamento, perciò lui stesso ha deciso di scappare a New York per un periodo di pausa. Ma subito si sono riuniti e si sono messi al lavoro per creare successi, che si sono rivelati strepitosi come “Fino all’imbrunire” e il seguente disco che li ha portati a ricevere l’invito da super ospiti al festival della canzone italiana.

“Rimpiangete mai i tempi in cui cantavate in locali pugliesi sconosciuti?” viene chiesto alla band. La risposta è secca: “No”. Si ritengono soddisfatti di un percorso fatto in ascesa e con totale impegno e studio che li ha premiati, senza ovviamente disdegnare le loro origini. E’ giusto continuare a “camminare”.

Sorridenti e ben disposti, i Negramaro in chiusura si dichiarano lusingati da cotanta attenzione, ma soprattutto dall’invito propostogli come “Super ospiti”, che li rende importanti e orgogliosi di ricoprire un ruolo così importante.

Cellulari alle mani, la Sala stampa ha salutato i Negramaro con un grande Selfie, realizzato con il cellulare dei ragazzi protagonisti della conferenza.

Commenti

Commenti