SPEAKEASY. Quando la vita si racconta attraverso l’emozione in musica.

speakeasy-e-la-lingua-inglese

E’ possibile unire tante voci, cuori, anime speciali in un unico straordinario obiettivo? Sì, si può. Quello che ha avuto luogo giovedì 4 maggio, presso Studio50, è un autentico miracolo. Una formula di apprendimento vincente che, attraverso condivisione, cooperazione, entusiasmo e gioia di vivere ha attraversato, come un fiume in piena un gruppo di bambini e ragazzi pronti a mettersi in gioco,  nell’acquisizione di competenza in una lingua che stenta a divenire portante al pari di quella italiana: l’inglese. Tra strutture morfo-sintattiche complesse, pronuncia ai limiti del pronunciabile, velocità di emissione, slang, questi straordinari allievi hanno sperimentato il desiderio di impossessarsi di un universo inesplorato ma incredibilmente stimolante. La grande alleata di questa formula vincente è la musica. La musica è “inclusiva”. Non vi sono differenze, non vi sono separazioni. Tutto scorre, passa e si interiorizza attraverso la musica. Non ne siamo consapevoli ma ogni suono percepito in natura è una scintilla. Ci può riportare indietro nel tempo oppure far volare attraverso nuove dimensioni temporali conducendoci alle porte dell’incontaminato mondo ‘immaginazione’. Non si potrebbe vivere senza la musica. E’ una dolce compagna che cadenza ogni nostro passo con ticchettii di incontrollabile emozione. Amica, compagna, sorella in un percorso che è culminato in una straordinaria perfomance dimostrativa che tra mani battute a tempo, tuniche, abbigliamento pop, intervalli danzanti e fiatone, ha regalato istanti indimenticabili. Se poi ci aggiungiamo qualche lacrima, allora possiamo dire di aver colpito nel segno. Un progetto reso possibile grazie alla sinergia di Studio50, l’ ultraprofessionale collaborazione di Michele Verde e Angela Bini, e la famiglia di Città dell’Infanzia.  SpeakEasy replicherà parte della performance finale durante l’inaugurazione del Puglia Cake Festival il giorno 13 maggio alle 10 presso Palazzo San Giorgio – Trani. Quale migliore occasione per riproporre tanta luce e tanto entusiasmo se non nell’universo della dolcezza e del colore tra pasta di zucchero e fantasia? SpeakEasy ovviamente non si ferma.  Studio50 e Città dell’Infanzia stanno già lavorando per la versione 2.0 che avrà come core-learning il Natale, a partire da settembre.<<Se soltanto ci fosse stato SpeakEasy 30 anni fa…>> ha precisato il Presidente di Città dell’Infanzia – Vincenzo Dibari – <<avremmo potuto godere di un apprendimento interattivo e inconsapevole che, forse, oggi, ci avrebbe fatto sentire di più parte dell’Unione Europea. Non dimentichiamoci che l’inglese è la lingua ufficiale europea e che, per  essere parte dell’Europa fino in fondo, dovremmo conoscerla tutti, come già avviene in Nord Europa. L’evoluzione è nelle nostre mani, dobbiamo cogliere le possibilità. #SpeakEasy è una di queste possibilità.>> Le voci della straordinaria famiglia SpeakEasy: Antonia e Arianna Palmiero, Mariaelena Tucci, Eliana Avveniente e Debora Avveniente, Claudio Albanese, Anna Zagaria, Giada Raffaele, Morena Marzocca, Miranda e Dorian Dibari, Liliana Cormio, Serena Gisotti.

Chissà se nella prossima edizione ci saranno anche “voci adulte”… SpeakEasy 2.0: work in progress.

 

Commenti

Commenti