TI PORTO A BARI, LABORATORIO DI INTEGRAZIONE PAESAGGISTICA DELL’INTERFACCIA CITTÀ – PORTO





tiporto

Ti porto a Bari è un laboratorio sperimentale, progettuale ed esperienziale che, prendendo come riferimento il tema “margine, confine, frontiera” fra il porto e la città, indaga le potenzialità e le criticità di questa loro relazione. La scelta nasce in un periodo in cui un rinnovamento normativo è in atto, una nuova lettura delle identità e dei significati a vari livelli che apre verso un’evoluzione concreta della programmazione degli enti e ripensa l’effettivo sviluppo e la fruizione delle aree.

 

L’AdSP MAM in collaborazione con l’ANCE Bari e BAT, facendo propria l’esperienza dei laboratori tenuti gli scorsi anni (Taranto e Brindisi), ripropone un progetto coordinato dal Prof. Michael Jakob e dall’architetto del paesaggio Maria Cristina Petralla, con il qualificato contributo dell’architetto João Nunes.

Lo scopo è arrivare ad un’interpretazione originale, inclusiva e comparativa, dell’oggetto di studio, perseguendo l’obiettivo di integrazione della progettualità messa in atto dall’AdSP MAM con un approccio “paesaggistico”, traducendo le contaminazioni in disegno, progetto e suggestioni.

 

Il laboratorio si contraddistingue fortemente per uno spirito di apertura che porta a privilegiare una forma didattica ed esplorativa all’insegna della collaborazione con tutti gli Enti, Associazioni, Ordini Professionali, liberi professionisti e cittadini disposti a lavorare insieme. L’occasione del BiARCH permette di allargare le possibilità e le potenzialità del progetto.

Saranno coinvolti, accanto al Comune di Bari, protagonista e coordinatore del Festival, la Regione Puglia, gli organi periferici del MIBACT, Legambiente, l’Autorità di Bacino, gli Ordini Professionali, l’INARCH, l’INU, il Politecnico di Bari, l’Università degli Studi di Bari e anche i comitati cittadini.

La presenza di ANCE Bari e BAT garantisce quel contatto diretto e necessario fra teoria e pratica a cui si vuole dare grande importanza.

La Fondazione Dioguardi, oltre al supporto culturale, contribuirà con l’organizzazione di un momento di approfondimento dedicato, martedì 14 settembre, che introdurrà l’iniziativa “Port City School” in collaborazione con l’AdsP MAM, l’Università Ca’ Foscari di Venezia e l’Università degli Studi di Bari.

 

I partecipanti al workshop provengono da paesi, contesti e background volutamente differenti e, dunque, interdisciplinari per formazione, per provenienza geografica ed esperienza.

 

L’investimento nel futuro del porto che l’AdSP MAM e i suoi partner stanno mettendo in campo richiede un approccio complesso e integrato che si struttura su un sistema di obiettivi sviluppati a partire dal coinvolgimento di tutti i diversi portatori di interesse.

Il laboratorio si terrà negli spazi dell’autorità portuale per l’intera settimana dal 13 al 18 settembre. Si parte lunedì tramite lo studio e l’analisi dei luoghi interessati e il confronto con coloro che già lavorano attivamente alle problematiche legate al porto. Si prosegue con l’elaborazione delle proposte a cui si integrano momenti di approfondimento e di riflessione condivisa.

Gli obbiettivi del laboratorio sono molteplici. Obiettivi formativi per i partecipanti che si immergeranno nel contesto per applicare le loro specifiche competenze e conoscenze su progetti reali, comparando Bari ad altri casi di best-practice di livello internazionale. Obiettivi di partecipazione e restituzione per i promotori e la cittadinanza, anche grazie agli incontri organizzati con i professionisti e il mondo della ricerca locale e internazionale.

 

Nella serata di venerdì 17 settembre l’architetto João Nunes, fra i coordinatori del laboratorio, contribuirà al programma pubblico del Biarch con una lectio magistralis presso il Teatro Margherita. L’intervento verterà attorno ai temi di riflessione e progettazione presi in carico dal team di lavoro: il progetto di paesaggio come ricucitura tra il tessuto urbano e quello portuale.

 

Al termine del workshop, nella giornata di sabato 18 settembre presso il Terminal Crociere dalle ore 9.30, ci sarà un evento pubblico conclusivo dell’intensa settimana di studio e confronto, con la presentazione dei progetti dei partecipanti e gli interventi di tutte le autorità, gli enti, gli ordini e le associazioni coinvolte.

 

Ugo Patroni Griffi, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale: “Puntiamo moltissimo sulle idee progettuali visionarie e avveniristiche che rendano spedito e funzionale il processo di interconnessione e interazione tra porto e città” commenta il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, Ugo Patroni Griffi. “Una rivoluzione partita da qualche anno in Italia e che sta, finalmente, facendo uscire dal limbo della periferia gli scali portuali per renderli parte integrante e attiva della città, in un binomio funzionale e strategico che esalta l’uno le potenzialità dell’altra.

Le ricadute di tale azione investiranno non solo gli aspetti infrastrutturali, ma anche quelli gestionali ed economici.

Dopo gli eccellenti risultati raggiunti dagli organizzatori, oggi, portiamo il laboratorio a Bari e nel porto di Bari per avere un contributo qualificato e moderno ad un percorso sperimentale ed esperienziale finalizzato a scandagliare le potenzialità e le criticità di una relazione, quella tra Porto e Città, in continua evoluzione.”

 

 

Beppe Fragasso, presidente di Associazione Nazionale Costruttori Edili di Bari e BAT: “Crediamo molto in questa iniziativa organizzata in autonomia insieme all’AdSP MAM, con la quale svilupperemo questo laboratorio progettuale sul rapporto fra la città di Bari e il suo porto. È   un’iniziativa in continuità con le numerose collaborazioni che la nostra associazione ha stretto in questi anni con enti e istituzioni del territorio per dare vita a progettualità condivise dalle concrete ricadute in termini di investimenti e col miglior uso possibile delle risorse. In questo caso, vogliamo stimolare le menti dei partecipanti in modo che possano fornire contributi propositivi su possibili scenari, soluzioni complementari e migliorative riguardanti alcune interazioni tra aree portuali e città rispetto alle progettualità in itinere”.

 

 

Maria Cristina Petralla, architetto paesaggista coordinatrice del progetto: “La città di Bari si sta sempre più facendo notare in contesti nazionali e internazionali e lo sta facendo su molti fronti. Con il laboratorio ci inseriamo in questo processo mettendo un accento sul porto e sul mare, temi in forte evoluzione nei prossimi anni. Porteremo uno sguardo esterno ed eterogeneo, professionalità diverse e competenze tecniche che, tramite tutti gli input locali, si trasformeranno in suggestioni e visioni sul futuro. L’Autorità Portuale e l’ANCE di Bari e della BAT ci hanno dato la possibilità materiale di organizzare questo evento, dimostrando fiducia nel nostro approccio originale e aperto che siamo certi verrà ricompensata”.

IN BREVE

 

PROMOTORI

AdSPMAM (Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale), Porto di Bari

ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili), Bari e BAT

 

PARTNER

Fondazione Dioguardi, Comune di Bari

 

PATROCINI

Legambiente, In/Arch Puglia, INU Puglia, Master in Pianificazione e Progettazione delle Aree Portuali (Università Federico II Napoli), Università degli Studi di Bari, Università Ca’ Foscari, Autorità di Bacino, Politecnico di Bari, HEAD (Haute École d’art et de design) di Genève, Hepia (Haute École du paysage, d’ingénierie et d’architecture) di Genève, Accademia di Architettura di Mendrisio, Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri

 

COORDINAMENTO LABORATORIO

Prof. Michael Jakob – Prof. di Storia e di teoria del paesaggio presso Hepia (Haute école du paysage, d’ingénierie et d’architecture) di Ginevra e professore invitato al Politecnico di Milano e all’Accademia di Architettura di Mendrisio

Prof. João Nunes – Fondatore e principale responsabile dello Studio di Architettura Paesaggista PROAP – Estudos e Projectos de Arquitectura Paisagista Lda, Prof. presso l’Accademia di Architettura di Mendrisio

Arch. Anna Maria Curcuruto – Componente dell’Organismo di Partenariato della risorsa del mare presso l’AdSP MAM, esperta in materia di pianificazione del territorio e redazione di piani urbanistici

Arch. Ing. Maria Cristina Petralla – Architetto del Paesaggio

 

GRUPPO DI LAVORO

Ing. Silvia Sivo, coordinamento locale e organizzazione eventi formativi

Arch. Paesaggista Amina Chouairi, collaborazioni esterne e coordinamento partecipanti

Dott.ssa Sara Quartarella, comunicazione e social management

Dott.ssa Paola Iacobellis, grafica

Arch. Sara Spano, coordinamento partecipanti e supporto grafica

 

Tempistica

Lunedì 13 – Sabato 18 settembre 2021

 

SPAZI

Laboratorio: Stazione marittima S. Vito

Eventi Pubblici: Terminal Crociere

 

Commenti

Commenti


Condividi