Trani, UNA FIABA IN MUSICA PER RACCONTARE “GIORGIA LOMUSCIO” E COLORARE LA SPERANZA

TI RACCONTO UNA STORIA

Convertire il dolore in straordinaria forza e luce abbagliante? Sì, è possibile. La vita è un prisma. Ti sorprende per la sua capacità di condurti in sentieri inesplorati. E’ un gioco d’azzardo di cui non conosci l’esito ma che, nelle miriadi di esperienze che ti impone, regala la consapevolezza dell’imprevedibilità. Giorgia Lomuscio era una ragazza come tante altre. Circondata da amici, intrisa di sogni e speranze. Un batuffolo di vitalità propositiva e pronta ad affrontare la vita in tutte le sue sfumature. Il destino ha stabilito che il suo percorso terminasse prima del previsto e che lei non riuscisse a portare a compimento tutti i suoi meravigliosi progetti.  In realtà, quel destino aveva previsto per lei tutt’altra strada. Ebbene sì, il suo sentiero interrotto si è tramutato nel ponte di un arcobaleno. Tutte le persone che, intorno a lei, hanno avuto la fortuna di nutrirsi di lei, hanno deciso di rendere immortale il suo messaggio di amore.

Il tema di Giorgia Lomuscio, il 17 dicembre 2015, quando la sua malattia non era stata ancora scoperta (3a C – Scuola Media Cafaro – Andria):

Traccia: Interpreta personalmente la metafora della vita come viaggio.

La vita è un viaggio da progettare (partenza da dove con chi).

Meta (obbiettivi)

Strada (passi che farò)

Valigia (di che cosa ho bisogno)

«La vita è un valore e diritto che ci è stata donata dal Signore attraverso l’ascesa al cielo di suo figlio Gesù per la salvezza dell’uomo.

In molti paesi Europei non si dà il giusto peso alla vita, viene intesa come presenza fisica, essa non viene rispettata e viene presa come un gioco.

Io penso che quella non è vita, la vita deve essere piena di gioia, divertimento e difficoltà che vengono affrontate accanto alle persone a noi più care.

Io sono una ragazza molto timida ma allo stesso tempo chiacchierona, amo trascorrere giornate con i miei amici veri, perché questo mondo è pieno di persone che riescono a farti credere importante anche se per loro non conti niente.

Perciò da grande vorrei aiutare la gente bisognosa che non ha inteso il valore della vita e che vive piena di tristezza e povertà.

Vorrei imparare tanto da quelle persone perché danno un peso ed importanza a tutto ciò che per me è la normalità.

Dopo la terza media vorrei frequentare il liceo linguistico per conoscere alcune lingue, per viaggiare e conoscere le tradizioni dei popoli e poterli aiutare, perché è proprio questo a renderci unici.

Vorrei essere come il vento libera di fare ciò che per me è giusto, facendo toccare il cielo alle foglie ormai cadute».

Magicamente, le sue parole divengono la scelta di vivere #TuttoPerAmore.

Da qui nasce l’associazione che porta il nome di questa straordinaria guerriera e che  raccoglie fondi per promuovere la ricerca e la cura, sviluppare interventi a sostegno degli ammalati, creare una rete di informazione sul Sarcoma di Ewing e gli altri tumori che colpiscono i bambini e gli adolescenti.

In collaborazione con Città dell’Infanzia e Croce Bianca, l’Associazione Giorgia Lomuscio il giorno 5 ottobre alle 19,30 – presso la sede Croce Bianca – Trani, racconterà la sua storia insieme alla lettura musicata della fiaba “Ilai il Magico Unicorno” scritta per Giorgia.

“Ti racconto una storia” perché abbiamo bisogno di urlare messaggi di amore che valichino i confini del possibile, per colorare i sogni e regalare speranza e immortalità…

www.associazionegiorgialomuscio.org

Commenti

Commenti