ALTAMURA MANIFESTAZIONE FINALE “UNA VOCE PER TE”





foto Maria Caserta

Il 2 maggio 2013 si è tenuta la manifestazione finale “Una voce per Te” a conclusione del progetto “Afasia a scuola”, presso l’auditorium “Abrusci” del 5° C.D. San Francesco d’Assisi di Altamura. Il progetto è stato fortemente voluto da Cataldo Mangione referente dell’A.IT.A. sezione territoriale di Altamura, con il sostegno e collaborazione di quattro insegnanti; Stella Pirrazzo, Gina Martimucci, Lucia Lorusso, Irene Ferrandina, con piena adesione del Dir. Cardano. Le insegnanti pur avendo alcune perplessità sul come avvicinare gli alunni delle rispettive classi, alla conoscenza di questa patologia, che colpisce gli adulti anche in ottimo stato di salute e all’improvviso, hanno reso possibile lo svolgimento del progetto didattico, puntando sulla curiosità, premendo sui loro ricordi, attraverso il racconto di storie di afasici e facendo emergere le loro emozioni grazie alle attività ludiche della psicologa Mariagrazia Pinto. Tutto è stato fatto per comprendere il valore della “solidarietà e della cooperazione”, capacità necessaria per sconfiggere la malattia che ,come ha detto in sala Andrea, un afasico, che è stato a stretto contatto con i bambini: «L’Afasia non è una malattia contagiosa!»

La manifestazione ha presentato una vasta scaletta; la proiezione di un’intervista nel novembre 2012 (all’avvio del progetto), la proiezione di uno spot pubblicitario, un telegiornale intermittente per far comprendere le difficoltà di espressione degli afasici, una canzone “Rap dell’Afasia” cantata e ballata dai bambini, la lettura di poesie elaborate dai bambini in cui esprimono i propri sentimenti verso chi soffre per questa malattia, intervista delle mamme sulle impressioni del progetto e la loro collaborazione, l’intervento di Dino Carbonara Presidente regionale dell’A.I.T.A. molto commovente, anche lui padre si un ragazzo afasico. A seguire l’intervento e ringraziamenti di Cataldo Mangione, che da anni sostiene questa causa, che ha concluso la manifestazione proferendo poche parole a riguardo, ma molto significative, sintetizzando il grande impegno dei bambini a concludere il progetto durato ben 4 mesi ( 27 novembre 12 – 11 marzo 13) sviluppando la “capacità di aiutare se stessi aiutando gli altri”. Tra i presenti c’erano; Michele Ventricelli Consigliere regionale e la cantante Francesca Maffei che ha interpretato con voce melodiosa ed intensa la “La voce nel silenzio” dedicandola agli ospiti afasici in sala cui i bambini hanno tributato una valanga di auguri e canti.Cataldo Mangione referente A.I.T.A. regionale, ha vissuto in prima persona il disagio sorto a causa dell’Afasia che ha colpito sua moglie Pina nel 2008 all’improvviso. Dopo un breve periodo di riabilitazione, grazie ad una logopedista, si è reso conto che la riabilitazione non deve essere un evento periodico, ma costante, ogni istante della giornata, all’interno della famiglia e all’esterno con l’assistenza pubblica, che manca ed è insufficiente.  Ad Altamura ci sono solo due logopedisti per una popolazione che conta il più alto tasso di afasici nella Puglia. Nel 2011, durante la “Fiera dei Valori” (Meeting del volontariato) viene conosciuto il libro di Sandra Rema “Parla…Parla papà”, che ha suscitato l’idea di avviare un progetto didattico nella scuola, autofinanziato, grazie all’iniziativa di privati. Mangione tra i suoi obiettivi prevede di creare in rete dei laboratori multimediali per una sensibilizzazione via web, e premere sulla collaborazione dell’amministrazione locale.

MARIA CASERTA

 

 

Commenti

Commenti


Condividi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>