Trani: Viaggi prospettici. In mostra Guantario Kataos e Rubini a Palazzo Palmieri





WhatsApp Image 2021-07-18 at 09.03.29

“Viaggi prospettici” dal 22 al 28 luglio, la mostra d’arte contemporanea made in Puglia dell’estate 2021, patrocinata dal Comune di Trani nel contesto “Estate Tranoi”,   dall’associazione Turenum di Trani – Info Point e della Regione Puglia #Weareinpuglia, si terrà nella sala espositiva del Palazzo Palmieri, adiacente al porto e alla Cattedrale di Trani. Un viaggio prospettico che ha luogo in una delle più belle prospettive turistiche della Puglia e che continua il percorso attraverso  l’arte contemporanea.

In mostra le opere di  Ricarda Guantario, Kataos (Caterina Cannati) e Sergio Rubini.

 

A presentare la mostra sabato 24 luglio dalle ore 19,30 alle 21,30 sarà lo storico e critico d’arte Giorgio Gregorio Grasso in Puglia per l’evento, che così ha definito i protagonisti “Tre artisti che con le loro opere d’arte si propongono come ambasciatori dell’arte pugliese ed italiana nel mondo. Tre linguaggi estetici diversi ma che hanno un comune denominatore: il concetto di bellezza. L’arte è questa. L’arte deve dare a chi la vive una forte emozione estetica, e questi artisti con le loro opere rispondono esattamente a questo requisito”.

 

Ricarda Guantario, artista contemporanea dallo stile originale ed innovativo. Ha esposto in Italia e all’estero ottenendo consensi della critica e del pubblico, premi e riconoscimenti. Ha esposto nelle sedi più prestigiose a Venezia, Roma, Parigi, Zurigo, Barcellona, Londra, Milano, Parma, Genova, Padova nei contesti di artisti storicizzati. E’ presente nelle banche dati ed indici di quotazioni d’arte mondiali. Attraverso le sue opere esprime concetti filosofici, con una nota di ironia conduce i fruitori alla riflessione sulla trasformazione sociale e culturale contemporanea che valorizza l’effimero.

 

 Kataos, al secolo Caterina Cannati, artista pittrice di fama Internazionale, nota al pubblico e alla Critica per la sua arte che accarezza l’ Anima… pluripremiata tra le eccellenze dell’ Arte. Il Critico e Storico d’arte Giorgio Gregorio Grasso l’ha definita Artista del Bello. Tra le esposizioni più importanti: Milano Expo 2015, Biennale sulle Dolomiti, Lo Stato dell’arte ai tempi della  57å e 58å Biennale di Venezia, Matera Capitale della Cultura 2019, Parma Capitale della Cultura 2020/21, Mostra del Cinema a Venezia.

 

Sergio Rubini (Scultore), diplomato con lode all’Accademia di Belle Arti di Firenze, si dedica alla scultura ceramica.

Artista di prestigio, ha esposto in castelli, musei riscuotendo consensi di pubblico e critica internazionale. E’ chiaro l’intento, anche sociale, dello scultore di voler dare forma ai conflitti sia interiori che esteriori che hanno come protagonista le donne, figure dall’animo colmo di sentimenti intricati e desideri celati, sognatrici romantiche ma forti, che lottano e s’impegnano per apportare un calore aggiunto alla nostra società. In fondo Rubini è un testimone del tempo e il suo è un racconto antico eppure inesorabilmente attuale.

 

Commenti

Commenti


Condividi